woman receiving a parcel

Espandere la propria attività di e-commerce B2C al mercato europeo

con il boom globale dell’e-commerce, le soluzioni logistiche transfrontaliere diventano più cruciali che mai.
Ashwani NATH by Ashwani NATH
Riepilogo

In tutto il mondo le persone hanno trovato vari modi per affrontare i rigidi lockdown dovuti alla pandemia e la stragrande maggioranza di esse ha iniziato a cliccare. Ha fatto clic per il cibo, per l’abbigliamento, per i prodotti per la pulizia. E che fossero fedeli acquirenti tradizionali o accaniti compratori online, i lockdown e l’attuale trasformazione digitale hanno cambiato drasticamente le abitudini di consumo. Oggi l’e-commerce ha assunto proporzioni formidabili. Negli Stati Uniti, le vendite hanno raggiunto i 257,62 miliardi di dollari nel 4° trimestre del 2021, con un aumento del 9,2% rispetto allo stesso periodo dell’anno precedente. Con questi numeri non c’è da meravigliarsi che l’e-commerce sia il canale in più rapida crescita dell’ultimo decennio. in Europa, infatti, il fatturato dell’e-commerce dovrebbe superare i 569 miliardi di dollari nel 2025, mentre il mercato globale dovrebbe espandersi di 1 trilione di dollari entro il 2025.

Questo boom di attività ha due facce. Da un lato, crea enormi opportunità di crescita per gli e-tailer, sia raggiungendo i clienti statunitensi, ma anche iniziando a operare a livello globale raggiungendo nuovi mercati all’estero. Questo vale soprattutto per le vendite B2C, poiché alcuni prodotti possono sfruttare un vantaggio competitivo grazie alle esenzioni fiscali e doganali. Dall’altro lato, questa espansione ha creato nuove difficoltà per gli e-tailer, con la necessità di nuove soluzioni logistiche transfrontaliere per gli ordini elettronici.

 

Opportunità di crescita uniche dall’e-commerce transfrontaliero

Perché gli e-tailer statunitensi fissano obiettivi e fanno programmi oltreoceano? Innanzitutto, l’e-commerce transfrontaliero offre notevoli opportunità di crescita. Ad esempio, nel 2019 le vendite internazionali, che rappresentavano già il 20% dell’e-commerce totale, sono cresciute a velocità doppia rispetto alle vendite generali dell’e-commerce (Fonte: E-commerce globale 2020, Transport Intelligence). Per questi marchi, il mercato europeo apre le porte anche ad alcune delle nazioni più ricche e a oltre 450 milioni di potenziali clienti. Inoltre, il mercato europeo dell’e-commerce è molto meno saturo di quello degli Stati Uniti. I marchi americani che vendono online direttamente ai clienti dell’UE possono anche attrarre potenziali clienti con la promessa di esenzioni dai dazi doganali e quindi di un prezzo complessivo più conveniente.

“Sapevi che i consumatori possono evitare le spese doganali purché il valore giornaliero dei prodotti statunitensi approvati acquistati online nei Paesi dell’UE sia inferiore ai 150 euro?”

Nonostante i chiari vantaggi delle vendite e-commerce internazionali e transfrontaliere, le potenziali sfide potrebbero bloccare gli e-tailer statunitensi, facendo perdere loro un importante mercato e le opportunità di crescita.

 

Scopri di più sulla nostra attività di e-commerce

 

Le principali sfide dell’e-commerce internazionale

Una delle più grandi difficoltà sta nel soddisfare pienamente le aspettative dei clienti internazionali. Molti si aspettano un servizio di consegna di qualità a un prezzo accessibile. Ciò significa:

  • Consegna rapida e puntuale in ogni occasione,
  • Tariffe chiaramente definite, inclusi imposte di spedizione e dazi applicabili,
  • Flessibilità di riprogrammazione delle consegne,
  • Servizio clienti in caso di danno, smarrimento o furto dei pacchi,
  • Visibilità sullo stato della spedizione,
  • Semplice procedura di reso.

Se un’azienda non soddisfa bene questi requisiti, rischia di perdere la vendita e anche il cliente.

Mentre cercano di soddisfare le richieste dei clienti, le aziende devono anche gestire le grandi sfide della logistica e della catena di fornitura. Molti commercianti, soprattutto i marchi più piccoli che non hanno le competenze amministrative o non dispongono di personale sufficiente per gestire il back-end, si rivolgono spesso ai marketplace come Amazon o eBay per le questioni doganali, le esenzioni, le scorte di magazzino e le spedizioni. Tuttavia, secondo Applico, le commissioni di vendita degli intermediari digitali e fisici possono arrivare al 15-20% del prezzo del prodotto a seconda di ciò che si sta vendendo. Oltre ai guadagni monetari, i marchi che tengono un rapporto diretto con il consumatore riescono ad avere un controllo sul comportamento, l’esperienza e le previsioni degli acquirenti, con un impatto positivo esponenziale sul business.

Oggi gli e-tailer che scelgono di gestirsi da soli si trovano di fronte a due opzioni: servizi di consegna costosi di alta qualità come DHL, UPS, FEDEX o servizi economici con tempi di consegna lunghi e spesso senza tracciamento. Per entrambe le soluzioni la resa è soprattutto DDU (Delivered Duty Unpaid, reso non sdoganato) cioè senza lo sdoganamento a destinazione.

Per vendere a un prezzo interessante, garantire all’utente un’esperienza eccellente ed evitare di perdere vendite, i marchi hanno bisogno di un’efficiente soluzione end-to-end internazionale.

 

Un’unica soluzione logistica per l'e-commerce internazionale

Quindi, di cosa ha bisogno l’e-tailer per raggiungere nuovi mercati esteri e scongiurare la perdita del cliente? Ha bisogno dell’equilibrio fra prezzo e tempi di consegna di un servizio DDP (Delivered Duty Paid, reso sdoganato) di qualità, in grado di gestire tutte le varie difficoltà che possono rallentare la crescita dell’e-commerce.

Avere successo nel mondo dell’e-commerce transfrontaliero richiede:

  • Una rete di trasporti globale, dal ritiro dei pacchi alla consegna finale nella destinazione europea o canadese, con molteplici opzioni locali di gestione dei resi.
  • Una piattaforma digitale plug-and-play completamente integrata e basata su API, che fornisca la convalida degli indirizzi, crei un’etichetta riconosciuta dai vettori dell'ultimo miglio e garantisca il tracciamento dei pacchi.
  • Servizi doganali e di conformità, tra cui la convalida del codice HS, un calcolatore di dazi e imposte al momento del pagamento sul sito web dell’e-tailer e lo sdoganamento secondo le normative doganali.
  • Competenza specialistica in e-commerce, con un’approfondita comprensione delle complessità e un’esperienza comprovata nella gestione della logistica, in particolare nelle operazioni transfrontaliere di piccoli pacchi.

Sia gli e-tailer che gli e-consumer desiderano un’esperienza di consegna e-commerce senza soluzione di continuità. GEODIS MyParcel offre proprio il giusto equilibrio tra velocità e costi a un prezzo “tutto compreso” e trasparente. Grazie a questa soluzione integrata, gli e-tailer possono espandere l’attività dagli Stati Uniti all’Europa e al Canada a un prezzo vantaggioso, mantenere il controllo del proprio marketing mix (prezzo incluso), snellire i processi interni esternalizzando la gestione della conformità doganale e della rete logistica globale e, soprattutto, offrire al cliente un’esperienza ottimale.

Il servizio di spedizione transfrontaliera B2C assicura la consegna di piccoli pacchi dagli Stati Uniti a 26 Paesi europei, al Regno Unito e al Canada in 4-6 giorni. In sintesi, apre nuovi orizzonti offrendo ai marchi e-commerce un modo semplice per operare a livello globale con una soluzione plug-and-play.

 

 

Stai pianificando di espandere le tue vendite di e-commerce all’estero?

Contatta i nostri team di esperti per trovare insieme una soluzione
 

 

 

351 views