Sustainable Aviation Fuels, a new pathway for shippers to decarbonize air freight

Carburanti per l’aviazione sostenibili: un nuovo percorso per la decarbonizzazione

Cos’è il SAF e perché è un ottimo strumento che permette ai proprietari di merci di agire in modo sostenibile?
by 02/02/2022
Riepilogo

Dopo quasi due anni di pandemia, il mondo riparte con un rinnovato entusiasmo per la decarbonizzazione del settore dell’aviazione. Se lavorate nell’aviazione o nel settore dei trasporti più in generale, probabilmente, vi sarete imbattuti nel concetto di carburante aeronautico sostenibile, o SAF, in articoli e tramite il vostro feed LinkedIn. In questo intervento, esamineremo cos’è il SAF, perché è un ottimo strumento che permette ai proprietari di merci di agire in modo sostenibile e come potrebbe costituire un tassello importante nel puzzle della decarbonizzazione.


Vuoi partecipare al nostro webinar “Less is more: supply chain sustainability”?

Fai clic qui per registrarti

 

La sfida della decarbonizzazione

La decarbonizzazione dell’aviazione non è uno sforzo uguale per tutti. Si tratta piuttosto di una combinazione di tecnologie per il risparmio energetico, legislazione governativa, potere di acquisto di consumatori e aziende e sviluppi nel carburante. L’elenco degli approcci che consentono di risparmiare energia è ampio, come l’analisi dei big data per ottimizzare la manutenzione del motore, la formazione e l’incentivazione dei piloti per gli aeroplani eco-guidati, l’implementazione di varie tecnologie e di processi che riducano il consumo energetico a terra da parte degli aeroporti e delle compagnie aeree, nuovi materiali e tipi di aerei che consentano una maggiore efficienza del carburante. In uno studio condotto da Boston Consulting Group, le compagnie aeree hanno ridotto il consumo di carburante del 2,3% all’anno nell’ultimo decennio. Per raggiungere l’attuale obiettivo della IATA di emissioni zero entro il 2050, le compagnie aeree devono continuare a raggiungere una riduzione uguale o maggiore ogni anno. Una riduzione annuale dell’1,7%, ad esempio, diminuirebbe le emissioni solo di circa il 40% entro il 2050. Le tecnologie di risparmio energetico e l’ottimizzazione sono parti vitali della decarbonizzazione e, senza di esse, il volo a emissioni zero non sarà possibile in tempo. Tuttavia, il risparmio energetico non è sufficiente per raggiungere gli obiettivi dell’Accordo di Parigi, e questo ci porta all’argomento di questo articolo, ovvero il carburante sostenibile per l’aviazione. Che cos’è e come possono le aziende del settore aeronautico accelerare l’uso dei SAF?

 

Cos’è il SAF (Sustainable Aviation Fuels – carburante per l’aviazione sostenibile)?

I SAF sono una serie di carburanti con due denominatori comuni: sono progettati per essere drop-in e sono realizzati con materie prime rinnovabili. Il SAF è chimicamente equivalente al jet fuel convenzionale e può esservi miscelato, o “aggiunto” (drop-in). Per questi motivi, i SAF non richiedono la manipolazione dei motori aerei, possono essere distribuiti e conservati nelle infrastrutture esistenti e possono essere gestiti dagli aeroporti senza ulteriore complessità. Queste proprietà rendono il SAF molto interessante per le compagnie aeree e gli altri attori del settore aereo. Secondo la IATA, il SAF può potenzialmente sostituire il 65% del carburante jet convenzionale entro il 2050, ma con questa prospettiva trentennalenon c’è davvero alcun limite.

I SAF possono essere suddivisi in due gruppi in base alle materie prime: biologici e sintetici. I carburanti bio-derivati utilizzano come materia prima la materia organica, ad esempio olio da cucina usato, grassi animali, rifiuti domestici e colture energetiche, mentre le alternative sintetiche vengono create a partire dalla CO2 catturata dall’aria o dalle emissioni industriali. Questi ultimi combustibili sono attualmente in fase di sviluppo sperimentale, mentre il processo di produzione HEFA che utilizza biomasse come l’olio da cucina è una tecnologia matura e può essere industrializzato. Tuttavia, altri approcci a base organica sono ancora tecnologicamente arretrati, per cui processi quali la gassificazione, la trasformazione dei rifiuti domestici in combustibile, la produzione dell’alcool a getto e la conversione dei rifiuti a base di legno, come i pallet usati e i residui di silvicoltura, in SAF saranno consolidati nel prossimo decennio.

 

Un approccio basato sul bilancio di massa

Per comprendere l’attrattiva del SAF al di là delle compagnie aeree, dobbiamo guardare al suo potenziale di ridurre le emissioni provenienti dal trasporto da una prospettiva di bilancio di massa. Ogni volta che la CO2 viene rilasciata da una fonte di combustibile fossile, si aggiunge alla massa complessiva di CO2 nell’atmosfera e non fa alcuna differenza se la CO2 viene rilasciata in Cile o in Norvegia. Seguendo la stessa logica, è irrilevante anche dove avvengono le aggiunte di CO2. Ciò comporta la possibilità che gli spedizionieri utilizzino i SAF per neutralizzare le emissioni sostituendo i carburanti convenzionali in qualsiasi parte del mondo.

 

Il caso delle aziende di spedizioni aeree

L’azienda X sta spedendo via aerea una scatola del peso di 100 kg dall’aeroporto di Amsterdam Schiphol a Los Angeles International. Questa spedizione aggiungerà circa 0,734 tonnellate di CO2 all’atmosfera (utilizzando la (using metodologia di calcolo Ecotransit World). Ridurre queste emissioni a zero sostituendo il combustibile fossile jet con il SAF richiederebbe circa 0,27 tonnellate di SAF, che può essere utilizzato non solo nell’aeromobile per il trasporto delle merci, ma in qualsiasi altro aereo ovunque nel pianeta. La massa di CO2 nell’atmosfera non si preoccupa del luogo in cui si verificano o si riducono le emissioni. La società X può acquistare SAF, ad esempio, a Helsinki per mitigare le emissioni causate dal volo da Amsterdam a Los Angeles. Questo offre agli spedizionieri uno strumento per ridurre le emissioni per qualsiasi consegna, indipendentemente dal fatto che il SAF sia disponibile o meno presso l’aeroporto di origine. Se sei confuso, cogliamo l’occasione di aumentare ancora un po’ la complessità. L’utilizzo dei vantaggi del bilancio di massa per ridurre le emissioni spesso si basa su un sistema di “book and claim”, tramite il quale il SAF viene prenotato da una raffineria per utilizzarlo per un volo specifico e solo quando il carburante viene consegnato in un aeroporto può essere richiesta la riduzione di CO2.

 

In che modo gli spedizionieri possono fare la differenza?

Le due sfide principali per l’implementazione su larga scala del SAF sono, in primo luogo, la domanda e, in secondo luogo, l’offerta o in particolare la fornitura di materie prime per il SAF.

Per affrontare il problema relativo alla creazione della domanda di SAF, gli spedizionieri dovrebbero considerare il SAF come un’opportunità che consente uno sviluppo sostenibile. Con l’acquisto di SAF, le emissioni di trasporto si riducono qui e ora, ma gli investimenti nelle raffinerie vengono al contempo incentivati dall’aumento della domanda. Se si verifica un aumento costante della domanda di SAF, i principali player saranno più propensi a investire in strutture che saranno quindi operative per 30-50 anni. Le compagnie aeree, i governi e gli spedizionieri possono creare la domanda che consentirà ai produttori di SAF di costruire la produzione, sviluppare tecnologie ed estendere la distribuzione.

La seconda sfida riguarda la fornitura di materie prime. Si ritiene che con l’aumento della produzione di SAF, il prezzo diminuirà, alzando la domanda a tal punto che la disponibilità di materie prime limiterebbe le capacità di produzione. Le persone non mangiano abbastanza patatine fritte per sostenere la quantità di olio da cucina necessaria e lo stesso vale per gli altri acidi grassi attualmente utilizzati nella produzione di SAF a base di HEFA. Inoltre, l’uso diretto delle colture deve essere escluso in quanto insostenibile a causa della necessità di utilizzare il terreno per la produzione alimentare e dei problemi legati all’ecosistema che possono verificarsi quando si consente una monocultura su larga scala. Pertanto, il settore del SAF deve sviluppare tecnologie che possano utilizzare altre fonti, come i rifiuti organici solidi nonché altri combustibili sintetici che si basano su materie prime inorganiche. Fondamentalmente, la soluzione è una solida domanda di SAF; solo allora gli sviluppatori e gli investitori potranno permettersi il rischio di esplorare appieno le tecnologie necessarie per trasformare l'industria aeronautica.

 

Scopri ora i servizi di carburante sostenibile disponibili per il trasporto via aria e oceano qui


Vuoi saperne di più sul carburante sostenibile e sui meccanismi di valutazione e compensazione (insetting e offsetting)?

Fai la tua domanda al nostro esperto SAF qui

 

163 views
Order
2
Author

You may also like...

Energie alternative

Energie alternative: GEODIS si affida al gas naturale

Il trasporto merci su strada è noto per la sua natura inquinante. Tuttavia, GEODIS offre ora ai clienti diverse alternative all’uso del diesel, alcune delle

Circular Economy

Logistica ed economia circolare

Il termine “economia circolare” è apparso in antitesi al modello economico “prendere, produrre, smaltire”. Adesso, i cicli di vita dei prodotti diventano sempre più brevi

You may also like...

Energie alternative

Energie alternative: GEODIS si affida al gas naturale

Il trasporto merci su strada è noto per la sua natura inquinante. Tuttavia, GEODIS offre ora ai clienti diverse alternative all’uso del diesel, alcune delle

Circular Economy

Logistica ed economia circolare

Il termine “economia circolare” è apparso in antitesi al modello economico “prendere, produrre, smaltire”. Adesso, i cicli di vita dei prodotti diventano sempre più brevi