Véhicules autonomes et robots collaboratifs : des solutions d’avenir en entrepôt
Véhicules autonomes et robots collaboratifs : des solutions d’avenir en entrepôt
Thu 09/08/2018 - 20:59

Veicoli autonomi e robot collaborativi: le soluzioni per i magazzini moderni

Robot e veicoli autonomi sono stati a lungo simboli di un futuro fantascientifico. Ora, sono una realtà con un potenziale considerevole per trasformare l’industria e le catene logistiche.

L’arrivo di automobili e camion autonomi è senza dubbio una delle rivoluzioni più significative nella corsa all’innovazione. Gli annunci di nuovi sviluppi sembrano susseguirsi l’uno dopo l’altro a un ritmo sempre crescente e queste tecnologie ora ci appaiono a portata di mano. Tuttavia, c’è ancora molta strada da fare prima che questi veicoli diventino comuni sulle strade. “Queste tecnologie devono essere messe a punto per garantire che siano totalmente sicure in tutti i contesti”, afferma Philippe de Carné, Direttore di Innovation and Business Excellence presso GEODIS. “Prima ancora occorre affrontare una serie di questioni sociali e societarie, come l’accettazione da parte del pubblico e gli interrogativi riguardanti l’impatto sull’occupazione. Stiamo seguendo da vicino tutti gli aspetti in tale ambito. Allo stesso tempo, un numero crescente di tipi di attrezzature operative utilizza queste tecnologie negli stabilimenti e nei siti di stoccaggio.”

In effetti, il Rapporto annuale di settore MHI 2017 mostra che l’implementazione di queste tecnologie driverless è già iniziata: l’8% degli intervistati utilizza già veicoli senza conducente o droni e circa il 30% prevede di utilizzarli entro i prossimi 1-5 anni.

Implementazione di tecnologie di veicoli senza conducente e droni da oltre 6 anni

Queste tecnologie di guida autonoma comportano ancora dei rischi. Tuttavia, sono molto più facili da controllare in determinati ambienti, come negli stabilimenti dedicati e nei siti di stoccaggio. Le tecnologie driverless sono ora comunemente utilizzate per spostare merci, preparare ordini e persino realizzare inventari. Fanno affidamento sull’ultima generazione di sensori, telecamere e intelligenza artificiale per trovare il percorso ottimale verso una destinazione desiderata – il tutto interfacciandosi con i sistemi informativi aziendali, interagendo con i dipendenti, navigando tra gli ostacoli e riadattando la propria traiettoria. Soprattutto, eseguono queste operazioni mantenendo le distanze di sicurezza dalle persone e dalle cose che li circondano.

Di seguito, descriviamo quattro esempi di come la tecnologia driverless viene utilizzata nei magazzini GEODIS.

Carrello elevatore a guida automatica

I progressi nei Veicoli a guida automatica (Automated Guided Vehicles, AGV) per questo tipo di attrezzatura sono in corso da diverso tempo, ma fino a ora sono rimasti insoddisfacenti. In precedenza, erano troppo costosi, troppo complicati da implementare e non abbastanza flessibili. “Per risolvere questo problema, GEODIS sta attualmente lavorando allo sviluppo di un carrello elevatore a guida autonoma che presenta le più avanzate tecnologie di guida e intelligenza artificiale”, spiega de Carné. “Questo progetto potrebbe aumentare significativamente la produttività, ma potrebbe anche migliorare le condizioni di salute e sicurezza sul lavoro riducendo lo sforzo dei dipendenti e rendendone più fluidi i movimenti”.

Robot di preparazione degli ordini autonomo

Il carrello elevatore è uno strumento adatto per carichi pesanti quando si tratta di movimentare pallet interi o pacchi di grandi dimensioni. L’espansione dell’e-commerce ha portato ad un’esplosione di piccoli ordini inviati ai magazzini con un numero molto elevato di SKU, il che ha portato a percorsi di elaborazione sempre più lunghi.

Per affrontare queste nuove sfide, GEODIS ha introdotto robot autonomi più piccoli, che vengono impiegati in flotte. Invece di attraversare un intero magazzino con un pesante carrello al seguito, agli operatori di picking viene assegnata una zona (un concetto noto come “preparazione ordini in base alla zona”). Il robot segue un percorso ottimizzato da una stazione all’altra in base all’ordine in fase di elaborazione, tornando infine alla sua base per l’imballaggio finale del consumatore. Il dialogo tra robot ed operatore avviene attraverso interfacce molto intuitive e la capacità della macchina di riconoscere il dipendente. Questo approccio ha permesso a GEODIS di raddoppiare la produttività dei suoi team riducendo la fatica dei dipendenti.

Les « Cobots » , robots collaboratifs

I “Cobots”: robot collaborativi

Sebbene l’automazione sia già presente da tempo nei magazzini, è ancora limitata a causa degli elevatissimi livelli di investimento richiesti e della totale mancanza di flessibilità offerta. Le nostre supply chain devono invece essere sempre più agili. Pertanto, i cobots forniscono una modalità di robotizzazione molto più adattiva.

Questi nuovi robot offrono una gamma diversa di opzioni: sono meno potenti (e quindi meno pericolosi), sono capaci di movimenti più complessi, sono dotati di un numero di sensori e capacità di memoria e possono essere installati molto rapidamente in una nuova configurazione della workstation. Nella fase di apprendimento, il braccio del robot è guidato da un operatore umano in modo che possa memorizzare i movimenti che dovrà eseguire. Il cobot è quindi in grado di eseguire direttamente l’attività richiesta. Questi robot sono ideali per operazioni ripetitive semplici, rendendo possibile dedicare il tempo ad operazioni a maggior valore aggiunto meno impegnative.

Rethink Robotics

GEODIS, ad esempio, ha autorizzato il robot Sawyer – un braccio robotico a 7 assi di Rethink Robotics – da utilizzare in uno dei suoi magazzini italiani per condurre operazioni di kitting e co-packing.

Droni

Grazie alla loro dimensione estremamente futuristica, i droni eccitano l’immaginazione con il loro potenziale per le consegne aeree. Oggi il numero di progetti testati sul campo è innumerevole. Tuttavia, quell’ultimo chilometro di una consegna è ancora lontano da una realtà operativa per motivi di sicurezza e limiti fisici (peso e distanza) che influenzano le capacità di queste macchine in termini di trasporto di prodotti. Accanto alle applicazioni operative dei droni aerei, in campi come la sorveglianza o la sicurezza, GEODIS ha sviluppato per gli stessi un’applicazione innovativa nell’inventario automatizzato. “Con il nostro partner Delta Drone, abbiamo risolto diversi problemi complessi”, spiega de Carné. “Questi includono la durata della batteria, il controllo automatico dall’interno dell’edificio e la possibilità di scattare immagini ad alta risoluzione. Con questa soluzione unica, siamo in grado di svolgere inventari automatizzati durante le ore di chiusura e di farlo a un costo molto basso”. Questo drone addetto all’inventario, ora nella fase di produzione industriale, può essere installato in qualsiasi magazzino su richiesta.

Anche se siamo ancora lontani dall’avere autocarri senza conducente o droni che trasportano pacchi, la robotizzazione e la proliferazione di macchine autonome è diventata una realtà operativa. Queste tecnologie comportano l’ulteriore vantaggio di aumentare significativamente la produttività e l’affidabilità, nonché una riduzione dei rischi di salute e sicurezza per il nostro personale addetto umano.

Share it

Offerta GEODIS

Serve aiuto?

Resta aggiornato